Uno sguardo all'AMERICA: come le macellerie al femminile possono vincere in una professione tradizionalmente maschile

Uno sguardo all'AMERICA: come le macellerie al femminile possono vincere in una professione tradizionalmente maschile

Dall’Italia, all’Irlanda fino all’America. Un grido all’unisono per confermare la posizione della donna in un mestiere fino ad oggi predominato dall’uomo. Abbiamo toccato con mano esempi di Ladies Butchers Italiane ad Europee. Abbiamo avuto la fortuna di conoscere due ‘Donne’ con la ‘D’ maiuscola che, in America, sono riuscite a farsi spazio tra i ‘piani alti’ del settore meat, e non solo. Due esempi che ci dimostrano che non bisogna essere ‘figli di’ o avere raccomandazioni per arrivare ad un’obbiettivo. Basta avere coraggio, determinazione e non aver paura di cadere.

Vi presento Camas Davis, fondatrice del Portland Meat Collective e Direttore Esecutivo, Good Meat Project e Tia Harrison, Manager della Squadra Americana di Macellai.

CAMAS DAVID

(Camas Davis, fondatore del Portland MeatCollective e direttore esecutivo, GoodMeat Project)

In un campo a lungo dominato dagli uomini, le donne stanno lasciando il segno sull’industria della carne. Sebbene ci siano sempre state macellerie al femminile, c’è stato un tempo in cui vedere una donna abbattere una carcassa di animale avrebbe causato una doppia presa. Ma secondo i dati del 2018 del Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti, le donne ora costituiscono circa un quarto dei macellai (e altri lavoratori nel settore della carne, del pollame e della lavorazione del pesce, un 21% nel 2006. Sulla base di questi stessi dati sembra che il numero di uomini sul campo stia diminuendo mentre le donne aumentano costantemente.

Il direttore esecutivo di GoodMeat Project* (GMP), fondatore del Portland MeatCollectivee autore del libro di memorie, Killing It , Camas Davis ha notato un netto interesse per il mondo femminile nei corsi di macelleria, seminari e GirlsMeat Camp di GMP negli ultimi decennio. Ha anche notato un numero maggiore di donne che passano da una carriera completamente diversa al mondo della carne – qualcosa in cui Davis si è rivista molto, proprio quando è passata dal giornalismo alla macelleria 10 anni fa circa. Oggi ci sono più modelli di ruolo femminile sul campo per le altre donne a cui guardare.

Davis attribuisce maggiore interesse, in parte, a una narrativa mutevole sulla carne. “Il che significa che non tutta la carne deve essere carne industriale e che esiste una filosofia di allevare bene la carne, mangiare l’intero animale e utilizzare ogni parte più inclusiva, più sottile, più sfumata”, afferma. “Quella particolare storia e narrazione attira, in un certo senso, una sensibilità femminile perché non riguarda davvero l’ego, non si tratta davvero di essere duri o di essere in grado di manipolare animali che sono già stati manipolati dal sistema industriale. Si tratta di rispetto nel modo in cui ti avvicini non solo all’animale vivo ma anche alla carcassa e alla prodotto finito. ”

Il problema che Davis vede è che, nonostante un maggiore interesse in generale per la macelleria, c’è ancora una carenza di programmi di apprendistato formali o scuole di macelleria, e quelli che esistono sono costosi. Davis osserva che le donne interessate alla macelleria iniziano – come tutti – nel servizio clienti al banco della carne, ma che sono gli uomini che più frequentemente vengono promossi a posizioni di taglio della carne mentre le donne rimangono bloccate nella parte anteriore della casa. “Le donne devono davvero lottare per poter imparare la vera arte del disosso e taglio nella maggior parte dei banchi di carne”, afferma. Le donne che sfondano, tuttavia, stanno avendo un grande impatto sul settore. “La cosa che vedo di più”, afferma Davis, “è la volontà di collaborare e la volontà di insegnare e imparare gli uni dagli altri, che penso salverà il settore e lo reinventerà davvero”. Si nota una netta differenza tra i sessi in questo senso. “Quando sono in una stanza piena di uomini e insegno o sto imparando, è un’atmosfera completamente diversa: è tipicamente competitiva e non si tratta di condividere o scambiare conoscenze .”

Se c’è una cosa su cui molti macellai donne possono concordare è che sono stanchi di posare con i fendenti per i servizi fotografici. “È questa la sensazione: di essere una scimmia che fa brutti scherzi in una gabbia”, dice Davis. “C’è stata questa glorificazione della macelleria femminile come, oh, non è sexy, oh, è così pericolosa – le donne con i coltelli. Ci sono molti stereotipi che alimentano ciò, ma allo stesso tempo,  hanno creato uno spazio per le donne per entrare improvvisamente in questo settore. Che è, sai, buono e cattivo “.

*the Good Meat Project è stato fondato nel 2014 da Camas Davis, che nel 2010 ha lanciato il Portland Meat Collective , una LLC a Portland, Oregon, il cui scopo è quello di insegnare ai consumatori, in modo pratico e pratico, da dove proviene la buona carne e il modo migliore per arrivare ai loro tavoli. Nel 2014, Camas ha lanciato il Good Meat Project con l’obiettivo di formare individui in altre comunità, da Seattle ad Austin, a Chicago e oltre, per gestire i propri Collettivi di carne. Oggi, il Good Meat Project continua a incubare i collettivi di carne a livello nazionale, contribuendo a diffondere un modello di educazione esperienziale incentrato sul raggiungimento dei consumatori nelle rispettive comunità. Inoltre, il Good Meat Project sviluppa e ospita eventi e classi educativi in tutto il paese rivolti agli agricoltori e ai professionisti del settore alimentare.

—————————————————————————————————————————————————-

Tia Harrison, Presidente e CEO, The ButchersGuild e Manager del Team USA Butchers of America

Nel 2007, Tia Harrison – insieme ad altre due donne – ha aperto quella che molti considerano la prima macelleria di proprietà femminile negli Stati Uniti; da allora ha spostato in avanti l’ago della bilancia a favore delle macellaie femmine. Oggi Harrison sottolinea rapidamente che non è più una macellaia apprendista, ma è profondamente coinvolta nel mondo della macelleria come presidente e CEO della ButchersGuild , un’organizzazione associativa dedita a preservare l’arte della macelleria, e responsabile del team statunitense che partecipa alla World Butchers ‘Challenge .

Harrison ha visto un grande cambiamento da quando ha iniziato, quando descrive una macelleria gestita da donne come non solo rara ma semplicemente ‘fantastica’. “Ho visto molte donne intraprendere il commercio negli ultimi 10 anni, e molte donne aprono le loro macellerie e molte donne guidano la conversazione nella macelleria attraverso le cooperative, scrivendo libri e conducendo campi di carne e persino avviare le proprie scuole “, afferma. La sfida principale che Harrison vede per le macellerie non è tanto un soffitto di vetro quanto le esigenze fisiche e reali della professione. Come Camas, Harrison vede il rinnovato rispetto per i macellai come parte di una più ampia conversazione su da dove proviene il nostro cibo. “Penso che molte persone nel paese siano interessate a un ritorno alle radici della filosofia intorno al cibo “, afferma. Ciò si traduce in un interesse per la provenienza della nostra carne, come è stata allevata e come viene macellata.

In questi giorni, Harrison si concentra sul rafforzamento della rete e della comunità dei macellai di tutti i sessi, nonché sullo sviluppo del team di competizione americano per competere in quelle che sono essenzialmente le Olimpiadi della carne. Competono contro altre 16 squadre e Harrison nota che alcune squadre includono una donna. Il team statunitense comprende l’apprendista Cindy Garcia , un talentuoso esperto nel mondo della macelleria. La loro offerta per ospitare la prossima competizione ha avuto successo, quindi cerca la prossima competizione della World Butchers ‘Challenge a Sacramento, in California, questo autunno.

Paese che vai, stessa situazione che trovi. Tremate tremate, le Ladies Butchers sono arrivate!!!

Parola del Butcher!

Commenta il post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo nome

Messaggio