RAPPORTO IPCC - CARNI ROSSE VITALI PER LA SICUREZZA ALIMENTARE GLOBALE: CONSIGLIO DEL BESTIAME

RAPPORTO IPCC - CARNI ROSSE VITALI PER LA SICUREZZA ALIMENTARE GLOBALE: CONSIGLIO DEL BESTIAME

Beef Central, 9 agosto 2019

Un nuovo rapporto pubblicato dall’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) si concentra su come i cambiamenti nella gestione del territorio possono contribuire a ridurre le emissioni di gas serra.

Nonostante abbia scatenato una profusione di titoloni altisonanti sostenendo che il rapporto sollecita il mondo a mangiare meno carne o addirittura a ‘diventare vegetariano’ per salvare madre terra, il rapporto pubblicato online , per assurdo, non menziona la carne.

Il rapporto rileva che l’agricoltura, la silvicoltura e altri tipi di uso del suolo rappresentano il 23 percento delle emissioni di gas a effetto serra nell’uomo. Dice che quando la terra viene degradata diventa meno produttiva, limita ciò che può essere coltivato e riduce la capacità del suolo di assorbire carbonio. “Ciò aggrava il cambiamento climatico, mentre il cambiamento climatico a sua volta aggrava il degrado del suolo in molti modi diversi” afferma il rapporto. Dice che circa un terzo del cibo prodotto viene perso o sprecato. Ridurre questa perdita e spreco ridurrebbe le emissioni di gas serra e migliorerebbe la sicurezza alimentare.

“Alcune scelte dietetiche – si legge sempre nel rapporto. – richiedono più terra e acqua e causano più emissioni di gas che intrappolano il calore rispetto ad altre”, secondo quanto afferma Debra Roberts, CoPresidente del gruppo di lavoro IPCC II.

“Le diete bilanciate con alimenti a base vegetale, come cereali a grana grossa, legumi, frutta e verdura e alimenti di origine animale prodotti in modo sostenibile in sistemi a basse emissioni di gas a effetto serra, presentano importanti opportunità di adattamento e limitazione dei cambiamenti climatici”, ha affermato.

Il CoPresidente del Gruppo di Lavoro IPCC, Panmao Zhai, afferma  che “… qui esiste un vero potenziale attraverso un uso più sostenibile del territorio, riducendo il consumo eccessivo e lo spreco di cibo, eliminando la bonifica e la combustione delle foreste, impedendo l’eccessivo raccolto di legna da ardere e riducendo emissioni di gas a effetto serra, per affrontare le questioni relative ai cambiamenti climatici legati al territorio”. – Continua Zhai -“Alimenti a base vegetale e alimenti sostenibili di origine animale potrebbero liberare diversi milioni di chilometri quadrati di terra entro il 2050 e tagliare 0,7-8,0 gigatonnellate all’anno di biossido di carbonio equivalente, afferma il rapporto”.

Tony Hegarty, Presidente del Cattle Council of Australia, ha dichiarato che “ … la carne rossa continuerà a svolgere un ruolo vitale nel soddisfare le esigenze globali in termini di domanda di proteine ​​alimentari, nonché di gestione di vaste aree della massa terrestre della Terra e della conversione di piante non commestibili in proteine adatto al consumo umano”.

Continua: “La carne bovina australiana, in particolare, ha impegni imperativi per la salute umana e l’ambiente e continuerà a far parte di una dieta equilibrata per gli australiani e i nostri clienti all’estero. Può essere difficile comunicare tali credenziali, ma ci impegniamo a trasmettere efficacemente il messaggio. Parte di questo sforzo è attraverso l’Australian Beef Sustainability Framework del Red Meat Advisory Council, che misura e comunica l’impegno dell’industria australiana della carne bovina per la sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Dal 1981, l’industria della carne bovina australiana ha ridotto l’intensità di emissione del 14% e le emissioni dovute al cambio di destinazione del 42%. L’industria sta lavorando duramente per raggiungere l’obiettivo di diventare carbon neutral entro il 2030″.

 

——————————————————————————————————

L’industria della carne rossa non può essere utilizzata come capro espiatorio nella discussione sui cambiamenti climatici

La Commissione per il bestiame e la carne per l’Irlanda del Nord (LMC) afferma che la soluzione ai cambiamenti climatici è molto più complessa della riduzione dell’assunzione di carne rossa e qualcosa che tutti i settori dovrebbero rivendicare la responsabilità collettiva.

Il CEO di LMC, Ian Stevenson: ““ Se dobbiamo affrontare la questione del cambiamento climatico, deve essere uno sforzo collettivo da tutti i settori. La responsabilità non può essere lasciata alle spalle per il settore agricolo. “

“La recente copertura di questo ultimo rapporto delle Nazioni Unite descrive l’agricoltura animale come un problema chiave nella discussione sui cambiamenti climatici, tuttavia, rispetto ad altri settori in paesi come il Regno Unito, le sue emissioni sono significativamente inferiori”, ha dichiarato Ian Stevenson, Amministratore Delegato della LMC. “Le statistiche ufficiali del Dipartimento per le imprese, l’energia e la strategia industriale hanno dimostrato che i trasporti hanno rappresentato il 26% delle emissioni di gas serra del Regno Unito nel 2016. L’energia è stata responsabile del 25%, il 17% erano imprese, il 14% case e solo il 10% dall’agricoltura. Il nostro settore viene costantemente utilizzato come capro espiatorio in ciò che riteniamo, è un problema incredibilmente complesso”.  “Come abbiamo già detto molte volte, la produzione di bestiame sostenibile svolge un ruolo estremamente importante nella salute e nel benessere del pianeta e dei suoi abitanti. Abbiamo una popolazione in rapida crescita in tutto il mondo e con una crescita dei redditi nei paesi in via di sviluppo arriva anche una crescita della domanda di proteine ​​della carne di qualità e altri arricchimenti dietetici”. Prosegue “Nell’Irlanda del Nord abbiamo bestiame produttivo, che viene adeguatamente rifornito di abbondanti quantità di acqua e pascoli, in una posizione ideale per convertire l’erba non commestibile umana in proteine ​​commestibili umane di alta qualità. Se vogliamo affrontare la questione del cambiamento climatico, deve essere uno sforzo collettivo di tutti i settori. La responsabilità non può essere lasciata alle spalle per il settore agricolo.

“LMC lavora a stretto contatto con l’industria e i partner governativi su questo tema. Siamo membri attivi della Tavola rotonda europea per la sostenibilità delle carni bovine (ERBS) e una delle sue priorità chiave è ridurre l’intensità delle emissioni di gas a effetto serra nella produzione di carne bovina”. Concludendo, afferma: “Non dobbiamo dimenticare il ruolo di vitale importanza che la carne rossa svolge nell’ambito di una dieta sana ed equilibrata. La soluzione ai cambiamenti climatici non deve essere vista come una taglia unica. Il cambiamento climatico è un problema globale con soluzioni locali di cui l’agricoltura svolge un ruolo chiave. ”

Quindi? Prima di titolare e fare sensazionalismi… approfondiamo, capiamo, e agiamo secondo quanto davvero sia importante e necessario fare per tutti.

Parola di Butcher!

Commenta il post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo nome

Messaggio