FOOD Wine & Co. - "The DAY After..."🇮🇹

FOOD Wine & Co. - "The DAY After..."🇮🇹

TRE giorni di Masterclass, Seminari e veri racconti di esperienze tutte Made in ITALY in giro per il M0ndo. Tre intense giornate caratterizzate da gusto e cultura, con l’obbiettivo di valorizzare il territorio italiano ed i suoi prodotti.

Questo è solamente una piccola sintesi di quello che è stato il “Food WINE & Co 2018”.

FOOD WINE & Co.

Giunta alla settima edizione “Food, Wine & Co.”, il Seminario di Formazione in 6 Master Class e una Tavola rotonda internazionale finale, organizzato dal Master in Economia e Gestione della Comunicazione e dei Media dell’Università di Roma “Tor Vergata”, in partnership con Istituto Luce Cinecittà e con il patrocinio di Ferpi e ANSA – che anche quest’anno ha voluto dedicare tre giornate all’attrazione dei territori italiani e all’eccellenza dei prodotti del nostro Paese, ricchezze strategiche in ottica di crescita e sviluppo sostenibile: il 22 e 23 novembre 2018, presso gli storici Studi di Cinecittà e il 24 novembre, presso la Fiera di Roma, confermando il connubio con Mercato Mediterraneo – Fiera dei prodotti agroalimentari del Mediterraneo.

(Professoressa Simonetta Pattuglia)

“Fare sistema nel mondo eno-gastronomico è stato il leitmotiv di questa edizione di “Food Wine & Co” – sono le parole della professoressa Simonetta Pattuglia, curatore, Food wine & Co. docente universitario e direttrice master in Economia e gestione della comunicazione, università “Tor Vergata” – “Ogni hanno riusciamo a vivere grandi emozioni, grazie alla diversità ed alla grande professionalità degli “attori” che ruotano durante questa magnifica tregiorni”.

COSA VI SIETE PERSI?

Se vi siete persi il “Food WINE & CO” 2018, vi siete persi le meraviglie autentiche del nostro tricolore. Emozioni vissute in diretta grazie hai racconti emozionali trasmessi in prima persona da loro, i fautori di piccoli e grandi imprese. Progetti spesso nati da sogni o da semplici intuizioni, diventate oggi affermate realtà di prestigio per l’Italia e per il mondo intero.

6 Master Class all’interno delle due giornate di comunicazione dove il “filo conduttore” comune è stato proprio il racconto della food experience ITALIANA. Ognuna di esse con tematiche differenti affrontate da grandi relatori.

Master Class 1 – “La cultura della materia prima

Master Class 2 – Una cucina più democratica

Master Class 3 – “Vivere e mangiare all’italiana

Master Class 4“Experience nello Stivale I”

Master Class 5“Experience nello Stivale II

Master Class 6“Experience del settore in giro per il mondo”

Un susseguirsi di testimonianze già in essere e progetti futuri; grandi traguardi in arrivo che contribuiranno al miglioramento della nostra “bella italia”. Insomma, un mondo food in piena voglia di “esplodere”.

E’ uno degli unici settori economici in cui ogni persona riesce ad esprimere le proprie grandi emozioni – sono le parole di Marco Massarotto, presidente de “La via del Sake” – gioie, dolori, delusioni, successi o grandi vittorie. Unico comune denominatore, la passione per il cibo.

SHOW-COOKING… che shoW!

A fare da taglio del nastro all’evento è stato il grande spettacolo dello chef Mattia Poggi, Direttore di AliceTV, dove, attraverso il proprio show-cooking, a saputo conquistare l’attenzione e il palato del pubblico. E ancora degustazioni di grandi vini di “Casata Mergè” e vini offerti dall’Istituto Marchigiano di Vini, accompagnati dalla degustazione di Sake.

(Mattia Poggi, diretore di Alice TV durante il suo show cooking)

Non solo “drinking“, ma sorprendenti eccellenze del “buon mangiare”. Proprio attraverso la degustazione guidata dalla famiglia Fiorini, abbiamo apprezzato la qualità della terra maremmana attraverso i loro pecorini della selezione “Il Fiorino“, pluripremiato a livello nazionale e mondiale. Insolita poi, la degustazione di un grande maestro Gelatiere. Michele Gasparri, della gelateria Livornese “Fiori Rosa“. E’ riuscito ad incantare tutti attraverso la degustazione guidata del  “vero gelato naturale e artigianale” da lui stesso prodotto. Per non parlare della Esperienza culinari attraverso le mani di Francesco Neri, con la sua folle “CannoloTerapia“_cannoli da 110 e LODE.

GIOVANI ATTORI in MENTI GIOVANI

Grande soddisfazione degli organizzatori nell’essere riusciti a portare testimonianze giovani. Una chermes di attori poco più che trentenni, i quali, attraverso l’utilizzo di tecniche innovative di comunicazioni, sono riusciti nella propria rivincita. Sfruttando Canali Social e multimediali, sono riusciti a raccontare le loro idee, trovando persone disposte a unirsi finanziariamente, per la realizzazione di progetti. Sorprendente oserei dire, il racconto di Stefano Caccavari, fondatore di Mulinum Srl di Catanzaro. Lui, un giovane dell’estremo sud, decide di abbandonare il sogno di lavorare nella “Silicon Valley” per…. coltivare terre aride in disuso, dandole in affitto ad altri. (clicca qui per capire di cosa sto parlando… FOLLIA o GENIALITA?)

La “MAREMMA”, terra dalle GRANDI PROSPETTIVE

Da buon Maremmano, non posso essere fiero della mia terra, la Maremma, che ha saputo regalare un grande contributo all’evento. Realtà forti e affermate come la storia vitivinicola della Tenuta San Guido di Follonica. La testimonianza di Antonio Bonfilio, Direttore di “Morellino Classica Festival” affiancato da Alessio Durazzi, direttore del Consorzio di Tutela Morellino di Scansano, etichetta prestigiosa per il nostro Territorio. Il racconto di questo progetto nell’unire Musica e Territorio attraverso il Vino, creando serate in location uniche per emozioni uniche.

Di altissimo livello, seppur anagraficamente giovane e fresca, è stato il racconto di un grande progetto super Maremmano. E’ la storia di “Sfera“, questa creazione raccontata dal presidente e A.D. Luigi Galimberti, in cui grazie ad una sua intuizione, è riuscito pensate, in soli due anni a realizzare LA serra “idroponica” più grande ed importante d’EUROPA. Tutto questo succede in MAREMMA. E poi i grandi eventi di contaminazione al servizio del nostro amato territorio attraverso il progetto di “Maremma meets Bordaux” raccontato da Barbara Ciacci, Account del progetto e, l’affascinante racconto del percorso e progetti del Meat-BLOGGER Andrea Laganga attraverso appunto @Maremma Che CICCIA e Andrea Laganga.it

UN OCCASIONE PER RACCONTARE i BUTCHER ITALIANI

Non è mancata occasione per parlare di carne e macellai. Perché ora mai si sa, che dove c’è food, c’è un Butcher dietro l’angolo pronto a creare emozioni. Ed è stato proprio il tema dell’Intervento di Andrea Laganga Butcher, chiamato a rappresentare la categoria durante la sesta Master Class. –

“La mia MISSION è quella di rivendicare la categoria  dei Macellai, riuscendo così a riconquistare il vero prestigio che si merita – con queste parole il Butcher MAREMMANO racconta al pubblico CHI è il macellaio OGGI. “Solamente raccontando chi è il macellaio oggi, avremmo la possibilità di far uscire il messaggio al di fuori delle nostre “storiche botteghe”.

(Momento di show-Cooking di Andrea Laganga – photo @Maria Giulia Gozzi)

E per dar valore alle parole, abbiamo voluto omaggiare il meraviglioso pubblico di FOOD WINE & CO con una “particolare” degustazione di carni cotte. Maiale Sfilacciato (Pulled Pork) presentato in due varianti in tema con l’argomenti trattati. Una versione originale, con abbinamento di salse tipiche americane e, l’altra versione, dallo spirito totalmente MADE in ITALY.

Non ci resta che ringraziare personalmente gli organizzatori di questo magnifico evento. La professoressa Simonetta Pattuglia, e tutta la sua “macchina organizzativa” impeccabile. Gli sponsor che ogni anno dimostrano il proprio interesse nel mondo food e nella formazione.

I miei personali ringraziamento a Letizia Pini, Barbara Ciacci e lo studio Internet Fly.

La comunicazione avviene quando, oltre al messaggio, passa anche un supplemento di anima.        (Henri Bergson)

Andrea Laganga, MEAT-Blogger

Commenta il post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo nome

Messaggio